FATTURAZIONE ELETTRONICA Informazioni utili

Come fare per ..

accesso alla piattaforma web

Come accedere al sito web (https://fatturaelettronica.agostinieco.it) per l’emissione delle fatture di vendita elettroniche e la ricezione delle fatture di acquisto.

emettere una fattura

Come compilare da zero una nuova fattura elettronica nel nostro portale, stampare un’anteprima pdf e procedere all’invio telematico vero e proprio. 

COLLEGAMENTO SUL DESKTOP

Come creare un collegamento veloce sul desktop al sito della fatturazione elettronica. 

DOMANDE FREQUENTI..

Quale “codice destinatario” devo comunicare ai miei fornitori per la ricezione delle fatture elettroniche dal 2019?

Il codice SDI (O CODICE DESTINATARIO) è riportato in alto al centro nella tua area riservata della piattaforma web di fatturazione elettronica. I fornitori dovranno quindi inviare a questo codice le fatture elettroniche a te indirizzate e le troverai direttamente all’interno della piattaforma web di fatturazione elettronica. Sei sorpreso che altri usino il tuo stesso codice? E’ normale! Il codice non è individuale ma si riferisce alla piattaforma software utilizzata per la ricezione delle fatture elettroniche.

Per la compilazione delle fatture di vendita devo chiedere un codice destinatario o una pec al mio cliente?

Si ! Nell’anagrafica del cliente devi inserire il suo CODICE SDI oppure in alternativa la sua PEC. Se il cliente è una persona fisica NON titolare di p.iva dovrai inserire “0000000” (7 volte zero) al posto del codice destinatario.

Se non ho nè codice destinatario né pec della mia azienda cliente come faccio?

Se il tuo cliente, pur essendo titolare di p.iva, non ti fornisce né codice destinatario nè pec dovrai inserire “0000000” (7 volte zero) nel campo codice destinatario. Il tuo cliente potrà comunque scaricare la sua fattura dal suo cassetto fiscale e tu sarai in regola. Cerca però, nel limite del possibile, di farti fornire il codice destinatario o almeno la pec.

Le ricevute fiscale, gli scontrini e i ddt (bolle di trasporto) restano cartacei nel 2019?

Si ! Sarà possibile continuare ad emettere ricevute fiscali, scontrini e documenti di trasporto in modalità cartacea (non elettronica) anche dopo il 01/01/2019.

Close Menu

MAPPATURE ARTICOLI

FATTURE PASSIVE

“MAPPATURA PER ARTICOLO” : significa che sto mappando appunto l’ARTICOLO quindi ogni volta che compare MOZZARELLA VLT CIUFFO in una qualsiasi fattura di acquisto di MASSIMI MASSIMO il programma mi propone quel conto (indipendentemente dal fornitore).  IMPOSTAZIONE CONSIGLIATA 

“MAPPATURA PER ARTICOLO / ANAGR / PDC” : significa che sto mappando l’ARTICOLO MA A LIVELLO DI PIANO DEI CONTI quindi ogni volta che compare MOZZARELLA VLT CIUFFO in una qualsiasi fattura di una qualsiasi ditta (che usa lo stessa piano dei conti di Massimi! e tutte  le ditte o quasi usano lo stesso piano dei conti!!) il programma mi propone quel conto.  

FATTURE ATTIVE

NOTA BENE:

per DITTA si intedne MASSIMI MASSIMO SNC (cioè la ditta per cui stò registrando la contabilità) 

per CLIENTE si intende EQUISPORT SRL (cioè il cliente della ditta, Massimi, per cui stò registrando la contabilità) 

“MAPPATURA PER ARTICOLO / CLIENTE” : significa che sto mappando appunto l’ARTICOLO PER QUEL CLIENTE quindi ogni volta che compare “Avena fioccata” in una qualsiasi fattura attiva di Massimi verso il cliente Equisport , il programma propone quel conto.

“MAPPATURA PER ARTICOLO / ANAGR / PDC” : significa che sto mappando l’ARTICOLO MA A LIVELLO DI PIANO DEI CONTI quindi ogni volta che compare “Avena fioccata” in una qualsiasi fattura attiva di una qualsiasi ditta (che usa lo stesso piano dei conti di Massimi! e tutte  le ditte o quasi usano lo stesso piano dei conti!!) verso qualsiasi cliente il programma mi propone quel conto.  

“MAPPATURA PER ARTICOLO / DITTA” : significa che sto mappando appunto l’ARTICOLO PER QUELLA DITTA (cioè Massimi) quindi ogni volta che compare “Avena fioccata” in una qualsiasi fattura attiva di Massimi verso qualsiasi cliente il programma propone quel conto. IMPOSTAZIONE CONSIGLIATA 

Codice

Tipologie reddituali da indicare esclusivamente nel mod. REDDITI 2019 PF ovvero da non indicare in quanto già tassate definitivamente

APrestazioni di lavoro autonomo rientranti nell’esercizio di arte o professione abituale.
G (*)Indennità corrisposte per la cessazione di attività sportiva professionale.

 

H (*)

Indennità corrisposte per la cessazione dei rapporti di agenzia delle persone fisiche e delle società di persone con esclusione delle somme maturate entro il 31.12.2003, già imputate per competenza e tassate come reddito d’impresa.
I (*)Indennità corrisposte per la cessazione da funzioni notarili.
JCompensi corrisposti ai raccoglitori occasionali di tartufi non identificati ai fini IVA, in relazione alla cessione di tartufi.
KAssegni di servizio civile di cui all’art. 16, D.Lgs. n. 40/2017.

 

P

Compensi corrisposti a soggetti non residenti privi di stabile organizzazione per l’uso / concessione in uso di attrezzature industriali / commerciali / scientifiche nel territorio dello Stato ovvero a società / stabili organizzazioni svizzere di cui all’art. 15, comma 2, Accordo tra Comunità europea e Confederazione svizzera del 26.10.2004.

QProvvigioni corrisposte ad agente o rappresentante di commercio monomandatario.
RProvvigioni corrisposte ad agente o rappresentante di commercio plurimandatario.
SProvvigioni corrisposte a commissionario.
TProvvigioni corrisposte a mediatore.
UProvvigioni corrisposte a procacciatore d’affari.
VProvvigioni corrisposte a incaricato per le vendite a domicilio, per la vendita porta a porta e per la vendita ambulante di giornali quotidiani e periodici.
V2Redditi derivanti dalle prestazioni non esercitate abitualmente rese dagli incaricati alla vendita diretta a domicilio.
WCorrispettivi erogati nel 2018 per prestazioni relative a contratti d’appalto per i quali è operata la ritenuta d’acconto del 4% ex art. 25-ter, DPR n. 600/73.

 

X

Canoni corrisposti nel 2004 da società / enti residenti o da stabili organizzazioni di società estere ex art. 26-quater, comma 1, lett. a) e b), DPR n. 600/73, a società o stabili organizzazioni di società situate in altro Stato UE in presenza dei requisiti di cui al citato art. 26-quater, per i quali nel 2006 è stata rimborsata la ritenuta ex art. 4, D.Lgs. n. 143/2005.
YCanoni corrisposti dall’1.1 al 26.7.2005 dalle società di cui al suddetto codice “X” per i quali nel 2006 è stata rimborsata la ritenuta ex art. 4, D.Lgs. n. 143/2005.
ZOTitolo diverso dai precedenti.

UTENTI TEAMPORTAL ID

nome utentepassword
pulsoni@agostinieco.itPulsoni.12020
admin_teamportal@agostinieco.itAdmin.2019
ale@agostinieco.itAle.2020
alfre@agostinieco.itAlfre.12020
annarita@agostinieco.itAnnarita.2020
barbara@agostinieco.itBarbara.2020
chiara@agostinieco.itChiara.2020
digiacomo@agostinieco.itDigiacomo.2019
francesca@agostinieco.itFrancesca.2020
fusaroli@agostinieco.itFusaroli.2019
gianfr@agostinieco.itGianfr.2020
giusi@agostinieco.itGiusi.2020
manuela@agostinieco.itManuela.2020
paola@agostinieco.itPaola.2020
paoletta@agostinieco.itPaoletta.2020
roberto@agostinieco.itRoberto.2020
simo@agostinieco.itSimo.12020

CORRISPETTIVI TELEMATICI

COME TRASMETTERE MANUALMENTE

(FASE TRANSITORIA DI 6 MESI DAL 1.1.20, o da inizio attività, in attesa della messa in funzione del nuovo registratore telematico)

IN CASO DI TRASMISSIONE DI CORRISPETTIVI RILASCIATI CON IL VECCHIO REGISTRATORE DI CASSA IN ATTESA DELL’INSTALLAZIONE DEL NUOVO REGISTRATORE TELEMATICO:

  1. ENTRATE SU FATTURE E CORRISPETTIVI COME “INTERMEDIARIO NON DELEGATO”,
  2. POI “CORRISPETTIVI PER ESERCENTI NON IN POSSESSO DI RT (SOLUZIONE TRANSITORIA)”
se ci sono fatture e scontrini cosa occorre comunicare:

l’agenzia delle entrate ha chiarito che:

– SE la ditta rilascia scontrino e poi emette una fattura attiva relativa a quello scontrino ALLORA la ditta dovrebbe “citare” il numero e la data di quello scontrino nella fattura e, nel registro dei corrispettivi, deve indicare quello scontrino nel totale del giorno e annotare accanto (sulla colonna “fatture”) che quel giorno è stata emessa la fattura num. “x”  —> all’agenzia delle entrate va comunicato l’importo totale dei corrispettivi del giorno cioè non bisogna togliere dal totale del giorno l’importo della fattura

– SE invece la ditta emette una fattura attiva NON a fronte di uno scontrino (quindi è una vendita separata e indipendente dagli scontrini emessi quel giorno) allora all’agenzia delle entrate va comunicato l’importo totale dei corrispettivi del giorno (solo degli scontrini) che non comprenderà l’importo di quella fattura

COME CONSULTARE I CORRISPETTIVI TRASMESSI

SUBITO DOPO L’INVIO PUOI VISUALIZZARE LA COMUNICAZIONE FATTA (MA NON IL DETTAGLIO DEI CORRISPETTIVI):
ENTRATE SU FATTURE E CORRISPETTIVI COME “INTERMEDIARIO NON DELEGATO”, POI “MONITORAGGIO DELLE RICEVUTE E FILE TRASMESSI” , POI NELLA SCHEDA “RICEVUTE FILE ESTEROMETRO” CLICCARE SU “FILE DATI FATTURA E CORRISPETTIVI GIORNALIERI” E SCARICARE LA RICEVUTA IN PDF

DOPO QUALCHE ORA (ANCHE 1/2 GIORNI) I CORRISPETTIVI TRASMESSI SONO NELL’AREA DI CONSULTAZIONE CLASSICA DEI CORRISPETTIVI SOTTO LA VOCE “COMUNICAZIONE CORRISPETTIVI GIORNALIERI FASE TRANSITORIA” DISTINTA DALL’EVENTUALE VOCE “REGISTRATORI TELEMATICI” 

CHI è ESONERATO?

Le operazioni che già attualmente sono esonerate dall’ emissione di scontrino fiscale o ricevuta fiscale, ai sensi dell’articolo 2 del D.P.R. 696/1996, ovvero:
a)le cessioni di tabacchi e di altri beni commercializzati esclusivamente dall’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato;
b)le cessioni di beni iscritti nei pubblici registri, di carburanti e lubrificanti per autotrazione;
c)le cessioni di prodotti agricoli effettuate dai produttori agricoli cui si applica il regime speciale ex art. 34 D.P.R. 633/1972;
d)le cessioni di beni risultanti dal documento di cui all’articolo 21, comma 4, D.P.R. 633/1972,se integrato nell’ammontare dei corrispettivi;
e)le cessioni di giornali quotidiani, di periodici, di supporti integrativi, di libri, con esclusione di quelli d’antiquariato;
f)le prestazioni di servizi rese da notai per le quali sono previsti onorari, diritti o altri compensi in misura fissa ai sensi del M. 30.12.1980, nonché i protesti di cambiali e di assegni bancari;
g)le cessioni e le prestazioni effettuate mediante apparecchi automatici, funzionanti a gettone o a moneta; le prestazioni rese mediante apparecchi da trattenimento o divertimento installati in luoghi pubblici o locali aperti al pubblico, ovvero in circoli o associazioni di qualunque specie;
h)le operazioni relative ai concorsi pronostici e alle scommesse soggetti all’imposta unica di cui al Lgs. 504/1998, e quelle relative ai concorsi pronostici riservati allo Stato, compresa la raccolta delle rispettive giocate;
i)le somministrazioni di alimenti e bevande rese in mense aziendali, interaziendali,scolastiche e universitarie nonché in mense popolari gestite direttamente da enti pubblici e da enti di assistenza e di beneficenza;
l)le prestazioni di traghetto rese con barche a remi, le prestazioni rese dai gondolieri della laguna di Venezia, le prestazioni di trasporto rese con mezzi a trazione animale, le prestazioni di trasporto rese a mezzo servizio di taxi, le prestazioni rese con imbarcazioni a motore da soggetti che esplicano attività di traghetto fluviale di persone e veicoli tra due rive nell’ambito dello stesso comune o tra comuni limitrofi;
m)le prestazioni di custodia e amministrazione di titoli ed altri servizi resi da aziende o istituti di credito da società finanziarie o fiduciarie e dalle società di intermediazione mobiliare;
n)le cessioni e le prestazioni esenti di cui all’articolo 22, comma 1, punto 6, D.P.R. 633/1972;
o)le prestazioni inerenti e connesse al trasporto pubblico collettivo di persone e di veicoli e bagagli al seguito di cui al primo comma dell’articolo 12 L. 413/1991, effettuate dal soggetto esercente l’attività di trasporto;
p)le prestazioni di autonoleggio da rimessa con conducente, rese da soggetti che, senza finalità di lucro, svolgono la loro attività esclusivamente nei confronti di portatori di handicap;
q)le prestazioni didattiche, finalizzate al conseguimento della patente, rese dalle autoscuole;
r)le prestazioni effettuate, in caserme, ospedali od altri luoghi stabiliti, da barbieri,parrucchieri, estetisti, sarti e calzolai in base a convenzioni stipulate con pubbliche amministrazioni;

CREDITO IMPOSTA PER ACQUISTO REGISTRATORI FISCALI TELEMATICI (aspettare per cominciare a compensare !!)

QUANTO SPETTA?

spetta il 50% della spesa sostenuta per l’acquisto del registratore telematico fino ad un max di 250€ , il 50% è calcolato sull’imponibile della fattura di acquisto ma se l’iva è indetraibile (es pro rata 100% o forfettario) si prende in considerazione il costo iva compresa per calcolare il 50% ESEMPIO: fattura di acquisto 400€ + 88€ di iva –> credito spettante 200€  oppure 244€ se l’iva è indetraibile 

QUANdo e come si usa il credito?

la fattura va pagata con mezzi tracciati, il credito si può usare in compensazione orizzontale solo con trasmissione via entratel, a partire dalla prima liquidazione iva utile successiva alla fattura o, se successivo, al pagamento tracciato ESEMPIO: fattura dicembre 2019, pagamento gennaio 2019, contribuente mensile –> la prima liquidazione utile successiva al pagamento di gennaio 2019 è la liquidazione mensile di gennaio stesso con scadenza 17 febbraio quindi il credito si può usare a partire dal 17 febbraio e non prima; se il contribuente fosse trimestrale il credito si potrà usare a partire dal 16 maggio 2020. Si usa con codice tributo 6899 con anno del pagamento.

dichiarazione dei redditi

il credito va indicato in dichiarazione quindi bisogna mettere dentro la cartellina della dichiarazione dei redditi : fattura, copia bonifico o assegno o altra documento di pagamento e mod. f24 di utilizzo del credito. 

contabilizzazione

il credito è imponibile irpef e irap quindi va registrato al momento dell’utilizzo in f24 come sopravvenienza attiva tassata.

INFO UTILI PER CONTABILITà

SUPER AMMORTAMENTO

ammortamento aggiunitivo del 30% per acquisti da 01/04/2019 al 31/12/2019. Voce in cesp1 da utilizzare: “Decreto Crescita 2019” (l’altra voce “legge di stabilità 2019” è per l’iper ammortamento (170%) e per i beni immateriali ma sono casi particolarissimi semmai da approfondire)

PROFESSIONISTI

AUTOVETTURE

DEDUCIBILITA’ COSTO (Art. 164 Tuir): ammortamento deducibile al 20%, tetto di 18.000€ circa, massimo una autovettura (la seconda è indeducibile), non esiste la regola, valida invece per le imprese, che il primo anno l’ammortamento è ridotto alla metà (il programma giustamente non lo riduce).  

Per gli autocarri acquistati dai professionisti è un altro discorso, c’è circolare su pc16 ale va visto bene ogni caso

730 CREDENZIALI E SITI

730 CAF TFDC TEAMSYSTEM

CLICCARE SU "AREA RISERVATA IN ALTO A DESTRA

CODICE CENTRO: 341X
CODICE SPORTELLO: lasciare vuoto
PASSWORD: 4DGZ9KTDGI

assistenza caf: 071 7930880

NOTE 730 POLYEDRO

  • PRIMA DI CREARE UNA NUOVA ANAGRAFICA 730 PROVARE A FARE IMPORTAZIONE DA 740 CON IL COMANDO IMPUNIA (O SIMILE) ALTRIMENTI SI DUPLICANO ANAGRAFICHE DI PERSONE MA ANCHE DI IMMOBILI !!
  • FACENDO L’IMPORTAZIONE DA 740 L’ANAGRAFICA 740 VIENE CORRETTAMENTE IMPOSTATA COME “GESTITA IN 730” E BLOCCATA
  • LA NUOVA ANAGRAFICA 730 VA IMPOSTATA (COME CODICE) ANCHE IN F24 ALTRIMENTI I TRIBUTI IMU DI UNA PERSONA DI CUI FACCIAMO 730 NON VENGONO GENERATI IN F24
  • POLYEDRO PUò STAMPARE IN PDF MASSIVAMENTE TUTTI I 730 METTENDO IL NOME DEL CONTRIBUENTE E IL CF COME NOME DEL FILE: PER STAMPARE LANCIARE “PDF730” E LANCIARE L’ARCHIVIAZIONE DELLE DICHIARAZIONI, IL PROGRAMMA GENERA I PDF IN UNA CARTELLA DEL SERVER ACCESSIBILE DAL “MENU FUNZIONI” (ULTIMA VOCE MENU REDDITI DI POLYEDRO) POI , FUNZIONI DISPONIBILI IN M730 E ARCHIVIO, Lì SI TROVANO I FILE CHE POSSONO ESSERE SELEZIONATI COMPRESSI IN UNO ZIP E APRENDO LO ZIO (NON SALVANDOLO) SPOSTATI SU WINDOWS 

da polyedro: STARTUP AGYO (MULTI), configurazione ditte per invio e ricezione fatture, codice ditta e "conf. ditta contabilità"

schermata impostazioni agyo configurazione ditta