Informativa ai clienti: DECRETO CURA ITALIA 18 MARZO 2020

Buongiorno,
è stato finalmente pubblicato il decreto legge 18/2020 “Cura Italia” contenente le misure economiche per il sostegno di famiglie ed imprese, sintetizziamo le misure di particolare interesse:
 

1) SOSPENSIONE VERSAMENTI PER FILIERA CORONAVIRUS
Per alcune categorie di imprese (non professionisti) particolarmente interessate dagli effetti del coronavirus: (es. imprese turistico ricettive, agenzie di viaggio, ricevitorie lotto e simili, RISTORANTI, BAR, GELATERIE,PUB, servizi trasporto merci, onlus..):
– i versamenti che scadono a marzo e aprile di: ritenute fiscali dipendenti, contributi inps, premi inail.
– il versamento iva che scadeva il 16.3.2020
POSSONO ESSERE PAGATI ENTRO 1.6.2020 (il 31 maggio è domenica)

 

————————————————————————————–
2) SOSPENSIONE VERSAMENTI PER LA GENERALITA’ DEI SOGGETTI CON RICAVI MINORI DI 2 MILIONI NEL 2019
Per tutti (imprese e professionisti, società e ditte individuali) indipendentemente dalla tipologia dell’attività:
– i versamenti che scadono a marzo di: ritenute fiscali dipendenti, contributi inps, premi inail e IVA.
POSSONO ESSERE PAGATI ENTRO 1.6.2020 (il 31 maggio è domenica)

————————————————————————————–
3) SOSPENSIONE VERSAMENTI CARTELLE E AVVISI
Nel periodo 8.3.2020 – 31.5.2020: cartelle di pagamento Ag. entrate riscossione (ex equitalia), avvisi di accertamento e di addebito INPS esecutivi POSSONO ESSERE PAGATI ENTRO IL 30.6.2020.

————————————————————————————–
4) SOSPENSIONE VERSAMENTI ROTTAMAZIONE RUOLI / SALDO E STRALCIO
Le somme dovute ai fini della rottamazione ruoli e saldo e stralcio rispettivamente in scadenza 28.2.2020 e 31.3.2020 POSSONO ESSERE PAGATE ENTRO IL 1.6.2020.

————————————————————————————–
5) CREDITO DI IMPOSTA PER LOCAZIONI
È riconosciuto, a favore degli esercenti attività d’impresa (i professionisti sono quindi esclusi), un credito d’imposta (da utilizzare esclusivamente in compensazione) pari al 60% dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, per immobili rientranti nella categoria catastale C/1.(negozi e botteghe). NB. il credito di imposta non riguarda le attività che non sono state “sospese” es. un ristorante potrà beneficiare del credito di imposta, un supermercato non potrà farlo (perchè la sua attività non è stata sospesa). 

————————————————————————————–
6) CREDITO DI IMPOSTA PER SANIFICAZIONE AMBIENTI DI LAVORO
È riconosciuto, a favore di imprese e professionisti, un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro fino ad un massimo di 20.000 euro. Si attende circolare ministeriale per le modalità di richiesta.

————————————————————————————–
9) INDENNITA’ UNA TANTUM DI 600€ 
È riconosciuto un assegno una indennità di 600€ richiedibile all’Inps:
– lavoratori autonomi artigiani e commercianti
– professionisti iscritti alla gestione separata inps (quindi sono esclusi i professionisti con una propria cassa professionale)
– co.co.co che svolgono la propria attività verso società e ass.sportive (si attende conferma che in questa casistica possano rientrare anche gli amministratori di srl in quanto assimilati a collaboratori co.co.co.)

NB: ancora non sono state pubblicate le modalità di richiesta dell’indennità (sembrerebbe che si voglia prevedere richiesta telematica all’inps tramite  “clic day”). Sembrerebbe che si preveda una ulteriore indennità anche per il mese di aprile (e una diversa modalità di assegnazione). Restano fuori dall’indennità i professionisti iscritti ad una propria cassa di previdenza professionale es. avvocati, ingegneri, architetti, commercialisti etc..  sembrerebbe che queste categorie possano fare richiesta di una qualche tipologia di sostegno al fondo per il “reddito di ultima istanza” che dovrà essere istituito.

appena disponibili le modalità di richiesta dell’indennità in oggetto le comunicheremo ai clienti

————————————————————————————–
10) AIUTI FINANZIARI PICCOLE E MEDIE IMPRESE
– Apertura di credito: per gli importi esistenti alla data del 29 febbraio 2020, è stabilito che non vi potrà essere alcuna revoca fino al 30 settembre 2020
– Contratti per prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 30 settembre 2020: è prevista una proroga fino al 30 settembre 2020.
– Mutui e altri finanziamenti con rimborso rateale, con le rate aventi scadenza anteriore al 30 settembre 2020: nella misura è prevista la sospensione dei pagamenti sino al 30 settembre 2020.
– La norma estende la possibilità, per 9 mesi, di accedere al Fondo di Solidarietà (di cui all’art. 2, comma 475, della L. 244/2007) per la sospensione del pagamento delle rate relativi al mutuo per l’acquisto della prima casa anche ai lavoratori autonomi e liberi professionisti.

NB: ogni misura dovrà essere verificata con la propria banca.

————————————————————————————–
11) CONGEDI PER GENITORI AL 50% DELLA RETRIBUZIONE
Indennità per max 15 giorni (da utilizzare tra i due genitori) al 50% della retribuzione per chi ha figli sotto i 12 anni. Alternativamente possibilità di richiedere all’Inps il voucher baby sitter (600€, che viene aumentato a 1000€ per personale sanitario) 

————————————————————————————–
12) RINVIO PAGAMENTI CONTRIBUTI COLF E BADANTI
I contributi per colf e badanti in scadenza fino dal 23 febbraio al 31 maggio potranno essere pagati entro 10 giugno.

————————————————————————————–
13) PREMIO PER LAVORO SVOLTO IN SEDE
Per il mese di marzo è riconosciuto un premio pari a 100 euro ai lavoratori dipendenti (con reddito fino a 40.000) che continuano a lavorare in sede, da calcolare in proporzione al numero dei giorni di lavoro svolti nella sede di lavoro.

————————————————————————————–
14) NEI PROSSIMI DUE MESI DIVIETO DI LICENZIAMENTO 
Vietato licenziare per giustificato motivo oggettivo (es. crollo degli ordinativi, chiusura di un reparto per contagio etc..)

————————————————————————————–
15) CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA PER TUTTI 
Come comunicato ieri: fino a 9 settimane di cassa integrazione per tutti i lavoratori di imprese e professionisti (anche sotto ai 5 dipendenti). ATTENDIAMO CIRCOLARI INPS SULLE MODALITA’ DI RICHIESTA CHE VEDRANNO COINVOLTE ANCHE LE REGIONI.

————————————————————————————–
16) DIFFERIMENTO TERMINI DI APPROVAZIONE BILANCIO
Tutte le società possono convocare l’assemblea per l’approvazione del bilancio di esercizio entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale.

 

ATTENZIONE: Il decreto è estremamente articolato e complesso. I ministeri interessati, l’Inps e l’agenzia delle entrate dovranno emanare successivi provvedimenti e circolari per permettere l’applicazione delle misure contenute nel decreto.
AL MOMENTO QUINDI NON E’ POSSIBILE PRESENTARE ALCUNA DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE (ES. cassa integrazione, bonus lavoratori autonomi) e non ci è possibile fornire informazioni più dettagliate sulle casistiche interessate dagli aiuti.
NATURALMENTE APPENA PUBBLICATE LE MODALITA’ OPERATIVE E APPENA DISPONIBILE LA MODULISTICA NECESSARIA, SARA’ NOSTRA CURA INFORMARE I NOSTRI CLIENTI PER PROCEDERE ALLA RICHIESTA DELLE AGEVOLAZIONI POSSIBILI.



Grazie
Avigliano Umbro, 19/03/2020

Distinti saluti 
Studio Agostini